I Fiori vanno trattati con Garbo

I Fiori vanno trattati con Garbo

Quando ci troviamo di fronte ai Fiori, entriamo in relazione con loro, basta un minimo di attenzione e un breve periodo in loro compagnia, per accorgersi che avviene uno scambio di energia.
Una delle domande da porsi è: quale è il modo migliore di comportarsi?

  • I Fiori vanno trattati con Garbo

Siate gentili e delicati. Questo è l’atteggiamento da riservare ai fiori, il più importante, da tenere sempre a mente. Loro ve ne saranno grati.

Possiamo tradurre subito questa nostra “nuova” predisposizione in una serie di comportamenti da adottare con i fiori recisi, che vi racconto in 3 consigli:

1. I fiori vanno presi per gli steli
Sembra un aspetto scontato, ma non è affatto così. Ho visto persone afferrare i fiori dai boccioli, tirarli via dal secchio per i petali, romperne tre per prenderne uno. I fiori sono delicati, non si toccano, perché si rompono o rovinano con molta facilità, al massimo si accarezzano.
Vanno presi per gli steli, non per la corolla e quando lo si fa, bisogna sempre avere la cura di non rovinare il resto del mazzo al quale spesso rimangono intrecciati.  Non tirateli quindi via con forza, rischiate di danneggiare non solo quello che volete, ma anche tutti gli altri. Dal fioraio è sempre buona norma chiedere di poter vedere il fiore e/o il mazzo che vi interessa, ma se proprio volete fare da soli assicuratevene quantomeno il permesso. Sarebbe imbarazzante finire per fare una strage di fiorellini rosa o di bacche rosse, solo per tirare via da un vaso un ramo di pesco o di ilex.
E’ una forma di rispetto. L’educazione ha a che fare con il rispetto, ci serve quindi un po’ di “educazione floreale“.

2. Anche gli steli si maneggiano con garbo
Il fatto che lo stelo sia più robusto della corolla non autorizza a spostarli come fossero indistruttibili. Ognuno è diverso nelle sue caratteristiche, ognuno porta il suo fiore che ha un peso diverso e alcuni sono da trattare con cautela. Non essendo botanici di professione, il mio invito è a guardare e a farvi un’idea, a prestare attenzione al tipo di stelo, soprattutto se non lo conoscete. Ce ne sono alcuni più sottili di altri o semplicemente più delicati, che si possono piegare o rompere con facilità. Se la Rosa non dà particolari problemi, così come Viole di Pasqua e Brassica, pensiamo invece al gambo di un Giacinto o di un Anemone, di un Ranuncolo, a quello sottile dei Narcisi o degli Ellebori, a quello vuoto degli Amaryllis.

3. Quando prendete un fiore da un vaso non fate gocciare l’acqua sugli altri boccioli.
Fate assolutamente caso a questo gesto distratto che può compromettere la bellezza dei boccioli di tutto il mazzo, soprattutto nel caso delle rose. L’acqua nella maggior parte dei casi finisce per macchiare i petali. Cercate quindi di prestare attenzione e di individuare un modo per sfilare il fiore, evitando una pioggia non desiderata.

Impariamo dai Fiori: I Fiori ci danno una lezione di delicatezza.

Riproduzione Vietata



2 thoughts on “I Fiori vanno trattati con Garbo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *